Get In Touch
Give a Drop - ODV ♡
Str. di Traversagna 2 - Montaldo Torinese - To
Codice Fiscale: 94085880014
Per collaborazioni e progetti
info@giveadrop.it
Ph-WhatsApp: +39 338 6566025

I rifugiati palestinesi in Libano

Dal 1948, circa 450mila profughi palestinesi sono stati registrati in Libano. Più della metà di loro vive in 12 campi sovraffollati che avrebbero dovuto fornire alloggi temporanei. 70 anni dopo, centinaia di migliaia di palestinesi apolidi vivono ancora in strutture fatiscenti.

I campi di rifugiati palestinesi

Le origini dei campi

Ci sono 58 campi profughi palestinesi ufficiali. Si trovano in Giordania, Cisgiordania, Gaza, Siria e Libano. Molti dei campi sono stati creati nel 1948 a seguito della prima guerra arabo-israeliana. Altri campi sono stati aggiunti dopo le guerre del 1967 e 1973 e più recentemente dopo la guerra in Siria per i palestinesi siriani. Circa 1,5 milioni di rifugiati palestinesi vivono nei campi ufficiali.

I rifugiati palestinesi non hanno molti dei diritti che altri rifugiati hanno sotto l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Questo perché i rifugiati palestinesi sono definiti come “persone il cui luogo di residenza era la Palestina nel periodo dal 1 giugno 1946 al 15 maggio 1948 e che hanno perso sia la casa che i mezzi di sussistenza a causa del conflitto del 1948“.

La creazione dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso a seguito dell’occupazione della Palestina (UNRWA) nel 1948 e la definizione ufficiale di rifugiato palestinese, furono considerate misure provvisorie per un problema temporaneo. Finora, tuttavia, nessuna autorità internazionale o palestinese è stata in grado di apportare un cambiamento a queste definizioni ormai vecchie di 70 anni, anche se i rimedi messi in atto per aiutare i rifugiati palestinesi nel 1948 difficilmente possono più essere visti come una misura temporanea.

Il solo Libano ospita 12 campi profughi palestinesi. Ci sono 450.000 palestinesi registrati in Libano con l’UNRWA – United Nations Relief and Works Agency – che gestisce i campi. Questi rifugiati mancano di molti importanti diritti. Non possono svolgere fino a 25 professioni. Di conseguenza, ci sono più rifugiati palestinesi che vivono in povertà in Libano che in qualsiasi altra area in cui opera l’UNRWA.

Le condizioni di vita nei campi del Libano

Le condizioni abitative nei campi profughi palestinesi sono pessime. Le abitazioni fatiscenti sono sovraffollate e i campi spesso mancano di infrastrutture di base come strade o servizi igienico-sanitari. Spesso durante i periodi di crisi, i campi rimangono senza elettricità per periodo molto lunghi e in alcuni di essi, quando arrivano le piogge invernali, i liquami inondano le case.

I profughi palestinesi si considerano “proprietari” delle unità abitative all’interno delle quali risiedono, tuttavia la legge libanese vieta ai profughi di possedere delle proprietà in Libano, quindi sono tecnicamente degli “occupanti”. Non avendo il diritto di possedere proprietà, ai rifugiati palestinesi viene negato il diritto di trasferimento per eredità della proprietà.

Circa un quarto delle famiglie non ha il riscaldamento e la maggior parte delle abitazioni sono in condizioni di elevata umidità e hanno perdite d’acqua. A completare le precarie condizioni abitative ci sono livelli di ventilazione molto bassa e assenza di illuminazione naturale. Ma il problema maggiore è il sovraffollamento con quasi la metà delle famiglie che hanno più di quattro persone che dormono nella stessa stanza. Inoltre, la maggior parte delle famiglie utilizza acqua in bottiglia come principale fonte per bere e per cucinare. Un ultimo dato rilevante è che circa due terzi delle famiglie non possiedono mezzi di trasporto.

Gli accordi tra l’UNRWA e i paesi ospitanti hanno fissato i confini di questi campi e i residenti possono costruire solo all’interno di quei confini. Man mano che arrivano più persone o che la popolazione aumenta naturalmente, nuove case possono essere erette ma solo in spazi già sovraffollati.

In Libano, ai rifugiati palestinesi non è permesso riparare o costruire nuove proprietà, nemmeno all’interno dei campi. Ciò significa che se le loro case vengono danneggiate o se strutture come le scuole necessitano di riparazioni, è illegale ripararle. Anche quando viene autorizzato un intervento di riparazione su una scuola, la polizia libanese infierisce con ripetuti controlli e richieste di verifica del permesso per eseguire quella determinata opera.

Mancanza di accesso alle cure mediche e ai medicinali

I rifugiati palestinesi hanno un accesso limitato a medicinali e farmaci e soffrono di un’alimentazione non adeguata e di una scarsa igiene.

La malnutrizione è un problema in tutti i campi profughi palestinesi, indipendentemente dalla loro ubicazione e l’arresto della crescita costituisce il principale ostacolo al normale sviluppo di un bambino. I campi affrontano regolarmente gravi carenze di forniture mediche e medicinali. Le organizzazioni internazionali e l’UNRWA forniscono assistenza sanitaria a tutti i campi profughi palestinesi, ma molti rifugiati palestinesi devono spesso cercare altrove l’assistenza sanitaria non fornita dalle organizzazioni umanitarie e che può essere piuttosto costosa. Ciò significa che le famiglie devono prendere regolarmente decisioni difficili: se più di un bambino è malato questo implica che solo uno di loro potrà ricevere delle cure.

Uno studio dell’Università di Beirut e dell’UNRWA ha rivelato che quando una famiglia palestinese vive in condizioni di estrema povertà, ha il doppio delle probabilità di avere un membro della famiglia con qualche forma di disabilità. Queste famiglie hanno anche molte più probabilità di avere un loro membro con una malattia cronica. Un ciclo terribile. Un alloggio fatiscente e una cattiva igiene portano a malattie e problemi di salute che creano difficoltà finanziarie per le famiglie e le spingono ancora più profondamente nella povertà.

La situazione lavorativa dei profughi palestinesi

Il tasso di disoccupazione tra i profughi palestinesi è impressionante. In Libano, il 56% dei rifugiati palestinesi è disoccupato. La maggior parte dei rifugiati palestinesi vive con l’equivalente di 6 dollari al giorno. Circa il 50% della popolazione ha solo le competenze minime necessarie per un lavoro. Un altro 10% non ha mai frequentato la scuola. La situazione è particolarmente grave per i profughi palestinesi giunti dalla Siria.

In Libano solo il 38% dei rifugiati palestinesi in età lavorativa ha un impiego. Sebbene nove rifugiati palestinesi su dieci siano nati in Libano, sono trattati come lavoratori stranieri. Di conseguenza, per lavorare sono necessari permessi costosi, che pochi datori di lavoro sono disposti a pagare. I rifugiati palestinesi non possono ricoprire una serie di professioni tra cui legge, ingegneria e medicina.

La competizione per i posti di lavoro disponibili è diventata ancora più serrata da quando la crisi siriana ha portato 2 milioni di rifugiati siriani a fuggire in Libano. I rifugiati siriani, disperati per sostenere le loro famiglie, sono disposti a lavorare spesso per un salario al di sotto del minimo o addirittura “sottobanco”.

Di conseguenza, è difficile per i rifugiati palestinesi trovare un lavoro diverso da mansioni umili con salari molto bassi in settori come servizi igienico-sanitari, agricoltura, edilizia. Le donne rifugiate palestinesi trovano invece lavoro come tate, infermiere o domestiche.

Un'istruzione non adeguata per giovani e bambini

Un altro grave problema nei campi profughi palestinesi è la mancanza di accesso ad un’istruzione adeguata. L’UNRWA fornisce risorse educative a mezzo milione di bambini nei vari campi profughi palestinesi e organizzazioni locali come WPA – Women’s Program Association – offrono risorse aggiuntive. Tuttavia, queste risorse sono spesso inadeguate e non sempre forniscono ai giovani palestinesi le competenze di cui avranno bisogno per trovare lavoro in futuro.

Nei campi le scuole sono sovraffollate. Più di due terzi delle scuole gestite sia dall’UNRWA che dal Ministero dell’Istruzione funzionano su doppi turni. Ciò riduce la quantità di tempo che gli studenti possono dedicare alle materie fondamentali e all’apprendimento di base. Oltre alle aule sovraffollate, non c’è abbastanza tempo per rafforzare ciò che gli studenti imparano, supportare gli studenti con difficoltà di apprendimento o offrire attività extra-scolastiche.

Un altro ostacolo all’istruzione in Libano sono le continue interruzioni dell’elettricità. Quando l’elettricità non è disponibile per mesi o è limitata a poche ore al giorno, questo influisce sulla capacità degli studenti di concentrarsi sui loro studi.

I palestinesi non possono accedere alle scuole pubbliche libanesi. Ciò significa che devono essere educati in una delle scuole gestite dall’UNRWA o in scuole private, che vanno al di là dei mezzi finanziari di quasi tutti i rifugiati palestinesi. Le scuole nei campi profughi sono spesso fatiscenti. Ai rifugiati palestinesi non è permesso riparare alcun edificio, comprese le scuole, per questo le strutture sono destinate ad un inesorabile degrado strutturale.

Il tasso complessivo di abbandono scolastico è di circa il 25% tra i bambini di età superiore ai sei anni, con la maggior parte degli abbandoni di età superiore ai 18 anni. I bambini che si diplomano alla scuola secondaria non proseguono con un’istruzione superiore sia a causa dei costi a loro inaccessibili sia perché sentono che non saranno in grado di trovare un lavoro al termine della scuola. A causa delle difficoltà di accesso alle scuole pubbliche libanesi per i palestinesi, i tassi di abbandono scolastico in Libano sono più alti che in Giordania, Cisgiordania e Gaza.

Tanti sono i fattori che entrano in gioco nel determinare l’alto tasso di abbandono in Libano: la povertà, la necessità di sostenere la propria famiglia, un’istruzione scadente, le restrizioni a poter svolgere lavori professionali in Libano.

Adotta un bambino rifugiato palestinese a distanza

Con l'adozione individuale a distanza puoi consentire ad un bambino rifugiato palestinese di frequentare la scuola e offrirgli una prospettiva futura. Puoi stringere con lui un legame forte, vederlo crescere ed emanciparsi. Puoi cambiare il suo futuro con una piccola goccia.